Sofia, la teacher Boolean con la passione per l'insegnamento

pubblicato in #booleanpeople
Pubblicato da Boolean
· 12/06/2020 · 3 minutes read

Tenacia, intraprendenza e voglia di mettersi in gioco: quando la programmazione è donna.

Qui in Boolean pensiamo che la nostra storia sia l'insieme di tutte le storie dei nostri studenti. Ogni loro successo, ogni loro vittoria, ogni traguardo raggiunto, diventa motivo di orgoglio per l’intera accademia. Tutto in Boolean - a iniziare dallo stesso concept aziendale - ruota intorno agli studenti.

Per poter cambiare radicalmente le loro vite non è sufficiente limitarsi a un’offerta formativa d’eccellenza fatta di approfondimenti, case studies e metodologie di apprendimento all’avanguardia. A ispirare quotidianamente ogni booleaner non è la sola scrittura del codice, ma piuttosto una figura che, assieme alle lezioni teoriche al mattino e alle esercitazioni pratiche al pomeriggio, scandisce la quotidianità in aula: l’insegnante.

Le tipologie di professionisti che affiancano gli studenti durante i sei mesi di corso sono due: i teacher e i tutor. I primi sono presenti in Aula Virtuale al mattino e, attraverso lezioni frontali, forniscono agli studenti le nozioni teoriche (e non), mentre i secondi offrono supporto agli studenti durante le esercitazioni pratiche del pomeriggio.

Ma di che genere di teacher e tutor ha bisogno uno studente per poter imparare a programmare da remoto? Di qualcuno come Sofia, al momento teacher di Classe#13.

Sofia è una programmatrice a tutto tondo con diversi anni di esperienza alle spalle, capace di gestire sia la parte front-end che quella back-end di ogni progetto. Reduce da un’esperienza di due anni in ingegneria informatica, durante la quale capisce che non è quella la sua strada (infatti poi si laureerà in scienze informatiche), si fa le ossa iniziando a lavorare per un’agenzia: la stessa con cui collabora per cinque anni. Finché non incontra Boolean. E inizia a far parte della storia dell’accademia.

È vero che sono le storie di successo dei nostri studenti a definire Boolean, ma nulla sarebbe possibile senza le competenze, l’empatia e la capacità di trasmettere conoscenza degli insegnanti.

E, a dirla tutta, quella di Sofia è probabilmente - come lei stessa dice - una vera e propria vocazione all’insegnamento. Tra i banchi di scuola dava già ripetizioni ai compagni in difficoltà, aiutandoli ad arrivare indenni al tanto ambito diploma delle superiori.

“Mi piaceva dare una mano alle persone, seguirne i progressi e aiutarli a raggiungere i loro obiettivi e - perché no? - a superarli. Quindi quando ho visto l’annuncio di lavoro di Boolean ho pensato: proviamoci, del resto a me è sempre piaciuto insegnare.”

Oltre a farle scoprire la sua naturale predisposizione all’insegnamento, i banchi di scuola sono anche il luogo in cui è nata la sua passione per la programmazione. A ispirarla è stata proprio la professoressa di informatica che, negli allora anni Novanta, teneva anche corsi serali. Corsi nei quali, ci racconta Sofia, si avvertiva un certo divario tra l’autorevolezza percepita dalle persone da parte di un professore maschio e quella da parte di una professoressa in campo informatico.

Ne è passata un po’ di acqua sotto ai ponti da allora e come dimostra lo stesso ruolo che ricopre Sofia in Boolean, i tempi stanno cambiando. Per quanto il mondo del coding continui ad essere popolato per la maggior parte da uomini, le donne che ne fanno parte iniziano ad essere sempre di più.

Come abbiamo già ribadito, non crediamo che le donne siano più brave degli uomini in questo mestiere e non crediamo che gli uomini siano più bravi delle donne. La capacità di “stare in cattedra” e l’abilità a programmare richiedono capacità logiche, impegno, passione: caratteristiche comuni a qualsiasi sviluppatore web (e futuro sviluppatore web) presente in Boolean. Avere insegnanti donne per noi rappresenta la normalità e quando qualcosa è assolutamente normale le spiegazioni sono spesso superflue.

Abbiamo deciso di dedicare un articolo a Sofia perché rappresenta - assieme a tutti gli altri teacher e tutor - il nostro standard di qualità, in cui vengono premiati skill ed effort. Le storie dei nostri insegnati, i loro percorsi formativi, i loro background lavorativi, le aree geografiche di provenienza sono orgogliosamente eterogenei e arricchiscono quotidianamente gli studenti non solo a livello formativo, ma anche umano.

Del resto il mondo è bello perché vario, e quello della programmazione non è di certo da meno.

Read next

Sofia, la teacher Boolean con la passione per l'insegnamento

Tenacia, intraprendenza e voglia di mettersi in gioco: quando la programmazione è donna.

Qui in Boolean pensiamo che la nostra storia sia l'insieme...

Boolean #booleanpeople 12/06/2020 · 3 minutes read